Ultimi articoli

Comunicazioni 24 Gennaio 2022

Udienze straordinarie convalida di sfratto

Si rende noto che con provvedimento del 20.1 scorso il Presidente reggente del Tribunale di Verbania, dott.ssa Banci Bonamici, ha previsto la fissazione di 4 udienze straordinarie di sfratto o finita locazione, l’ultimo mercoledì del mese di febbraio, marzo, aprile e maggio, con chiamata a 15 minuti l’una dall’altra. Dal mese di settembre 2022 viene altresì previsto che la fissazione delle singole procedure avvenga con una distanza intertemporale di 10 minuti.   Allegati provv. 2022-01-24 Pres. Trib. ScaricaCaricato il: 24.01.2022

Comunicazioni 9 Gennaio 2022

Disposizioni urgenti per l’accesso al Tribunale dal 10.1.2022

Si comunica che su disposizione del Presidente f.f. del Tribunale, in base all’art. 3 del D.L n. 1 del 7/01/2022 il personale autorizzato a partire dal 10/01/2022 provvederà tramite la app Verifica C19 a verificare il possesso e l’esibizione della Certificazione Verde di base di cui all’art. 9 comma 2 del d.l. 52/2021 anche nei confronti di Avvocati – Consulenti -Periti Ausiliari dei Magistrati estranei all’Amministrazione della Giustizia. Non saranno oggetto di controllo soltanto i testimoni e le parti processuali. Si ricorda che ai sensi dell’art. 9 sexies comma 8 bis del citato d.l. 52/2021 così come modificato dal d.l. n. 1 del 7.1.2022   “L’assenza del difensore conseguente al mancato possesso o alla mancata esibizione della certificazione verde COVID-19 di cui al comma 1 non costituisce impossibilita’ di comparire per legittimo impedimento. Pur consapevoli del disagio che detto controlli potrebbero creare confidiamo nella correttezza e massima collaborazione da parte di tutti. Si allegano inoltre le disposizioni emesse dal Procuratore della Repubblica di Verbania in data 11.1.2022 che precisano che:  dal giorno 8 gennaio 2022 e sino alla cessazione dello stato di emergenza sanitaria l’obbligo di possesso ed esibizione del Green pass di base è esteso ai difensori, consulenti, ai periti ed agli altri ausiliari del magistrato estranei all’amminsitrazione della giustizia e permane per i magistrati ordinari, onorari, giudici popolari, personale amminsitrativo, soggetti che svolgono, a qualsiasi titolo, la propria attività lavorativa o di formazione o di volontariato presso gli uffici giudiziari, comrpesi, quindi, gli agenti e gli ufficiali di polizia giudiziaria e i soggetti, appartenenti o meno ad un’amminsitrazione pubblica, il personale informatico, delle pulizie ed altri in genere che svolgono la propria attività nella sede giudiziaria; dal 1.2.2022 e sino alla cessazione dello stato di emergenza sanitaria, tutti i soggetti diversi da quelli sopra indicati (ad esempio il pubblico e […]

Comunicazioni 24 Novembre 2021

Lavori ingresso Tribunale

Il Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Verbania dott.ssa Olimpia Bossi, ci informa che a far data dal 9/12 e fino (presumibilmente) al 24/12 p.v. saranno effettuati dei lavori di riqualificazione dell’atrio di ingresso al Palazzo di Giustizia, al fine di permettere il posizionamento di una nuova vetrata blindata e di installare un metal detector. Per tutta la durata dei suddetti lavori resterà chiuso l’attuale ingresso (quello, per intenderci, posto di fronte al parcheggio del supermercato Esselunga), mentre potrà essere utilizzato quello su Corso Europa che permette l’accesso al nostro Tribunale entrando dal lato opposto a quello attualmente e abitualmente utilizzato.

Cassaforense - Comunicazioni 29 Ottobre 2021

GRADUATORIA BANDO CASSA FORENSE 14/2019

Si pubblica la graduatoria degli avvocati ammessi al Bando 14/2019, corso di formazione giuridica ”UNA NUOVA OPPORTUNITA’ PER GLI AVVOCATI: CORSO TEORICO-PRATICO DI DIRITTO AMBIENTALE, Progetto realizzato con il contributo economico di Cassa Forense”. Verbale graduatorie banco 14/2019 Allegati Verbale graduatorie banco 14/2019 ScaricaCaricato il: 29.10.2021

Cassaforense 27 Ottobre 2021

Aggiornamento su Istanza online di “esonero parziale D.M. 82/2021

Si informa che la procedura WEB per l’inoltro telematico della domanda di esonero parziale, considerato l’approssimarsi della scadenza di presentazione della richiesta, è stata aggiornata a far data dal 21 ottobre 2021. In particolare è stato previsto che, nel caso la procedura riscontri delle irregolarità contributive a carico del professionista, queste verranno evidenziate in tempo reale, indicando l’importo dei contributi ancora dovuti nonché le specifiche modalità di versamento, da effettuare entro e non oltre il 2 novembre 2021. Si rammenta, infatti, che ai fini dell’ammissione all’esonero parziale di cui al D.M. 82/2021, deve sussistere il requisito della regolarità contributiva entro il 31/10/2021 (termine prorogato al 2/11/2021), così come disposto dall’art. 47 bis del D.L. 73/2021, convertito con modificazioni con legge 106/2021; pertanto, per essere ammessi al beneficio dell’esonero, l’eventuale debito prospettato dalla procedura in sede di presentazione della domanda, non potrà essere oggetto di rateazione. La modifica della procedura si è resa necessaria a seguito delle numerosissime richieste di DURC e di Regolarizzazione spontanea, pervenute nelle ultime settimane, che non potranno essere definite entro il ristretto termine previsto dalla legge (2/11/2021). Anche in questi casi, pertanto, sarà possibile presentare direttamente la domanda di esonero parziale mediante l’apposita procedura, opportunamente aggiornata, e avere immediata contezza della somma da versare.

Cassaforense 21 Ottobre 2021

Compensazione dei crediti da Gratuito Patrocinio

Con riferimento alla notizia, riportata da alcuni Colleghi, secondo la quale sarebbe possibile da quest’anno compensare le somme dovute a titolo di contributi previdenziali a Cassaforense con i crediti maturati verso lo Stato a titolo di compensi per gratuito patrocinio, occorre precisare come una siffatta interpretazione appare in contrasto con l’attuale dato normativo. Come già precisato da Cassaforense, con la legge di stabilità 2016, in particolare il comma 778 dell’art. 1 della l. 28/12/2015, n. 208 si era previsto che “A decorrere dall’anno 2016, entro il limite di spesa massimo di 10 milioni di euro annui, i soggetti che vantano crediti per spese, diritti e onorari di avvocato, sorti ai sensi degli articoli 82 e seguenti del testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di spese di giustizia, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 30 maggio 2002, n. 115, e successive modificazioni, in qualsiasi data maturati e non ancora saldati, sono ammessi alla compensazione con quanto da essi dovuto per ogni imposta e tassa, compresa l’imposta sul valore aggiunto (IVA), nonche’ al pagamento dei contributi previdenziali per i dipendenti mediante cessione, anche parziale, dei predetti crediti entro il limite massimo pari all’ammontare dei crediti stessi, aumentato dell’IVA e del contributo previdenziale per gli avvocati (CPA). Tali cessioni sono esenti da ogni imposta di bollo e di registro. Ai fini della presente legge possono essere compensati o ceduti tutti i crediti per i quali non e’ stata proposta opposizione ai sensi dell’articolo 170 del testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 30 maggio 2002, n. 115, e successive modificazioni. La compensazione o la cessione dei crediti puo’ essere effettuata anche parzialmente ed entro un limite massimo pari all’ammontare dei crediti stessi, aumentato dell’IVA e del contributo previdenziale per gli avvocati (CPA).” Si evidenzia come […]

tutti i contenuti

Eventi in programma

torna all'inizio del contenuto