Comunicazioni

24 Agosto 2021

Comunicato del Presidente del COA

La drammatica vicenda del Mottarone ha toccato tutti noi avvocati, innanzitutto come cittadini, ferendoci nel profondo perché – pur senza voler entrare nel merito della vicenda – appare inspiegabile ed inaccettabile che nel 2021 si possa morire in questo modo in una bellissima domenica di maggio quando, spensierati, ci si gode un po’ di libertà con i nostri cari.

Ma questa tragedia ha colpito noi avvocati anche come operatori del diritto perché abbiamo quotidianamente seguito l’evoluzione della vicenda leggendo ed ascoltando vari commenti sull’operato della Procura e/o del Tribunale, con particolare riferimento al provvedimento assunto lo scorso 7 giugno dal Presidente del Tribunale, Dott. Luigi Maria Montefusco, in forza del quale il fascicolo è stato affidato ad altro magistrato in sostituzione della Dott.ssa Donatella Banci Buonamici che, sino a quel momento, se ne era occupata.

Come Consiglio dell’Ordine, onde evitare travisamenti, abbiamo ritenuto opportuno rilasciare sino ad oggi una sola dichiarazione diffusa sui media locali.

In tale dichiarazione, dopo aver precisato trattarsi di questione interna alla Magistratura- all’esame, in allora, del CSM e del Consiglio Giudiziario – si ribadiva la piena fiducia nella persona del Presidente del Tribunale, Dott. Montefusco, e nella Dott.ssa Banci Buonamici, confidando, inoltre, nell’operato della Procuratrice, Dott.ssa Olimpia Bossi, nella speranza potesse portare avanti, nella massima serenità, un’indagine così delicata.

Quanto recentemente emerso all’esito dell’esame del CSM, se da un lato evidenzia alcune irregolarità nella gestione della disciplina delle assegnazioni sulla base delle tabelle di organizzazione dell’Ufficio GIP/GUP – prive comunque di effetti sostanziali e inidonee ad incidere sulla validità degli atti procedimentali e processuali compiuti –, dall’altro testimonia come la questione sia sorta in ogni caso in seguito all’esigenza degli uffici di gestire una situazione emergenziale ed urgente.

Fermo restando quindi il dovuto provvedimento assunto dal CSM in ordine alle irregolarità di cui sopra, come già detto in sede di Assemblea annuale lo scorso 21 luglio, questo Consiglio dell’Ordine non può comunque accettare che l’eccellenza da sempre dimostrata dal Tribunale di Verbania a livello nazionale – risultato anche di un continuo costruttivo confronto tra la locale avvocatura e la magistratura – possa essere messa in discussione.

E neppure dubita della capacità, correttezza, dedizione e collaborazione dei Magistrati verbanesi, compresi quelli direttamente coinvolti, che da decenni,  hanno portato il Tribunale di Verbania ad essere al primo posto in classifica, secondo Il Sole24Ore, in termini di celerità di svolgimento dei processi in materia civile per l’anno 2020 e, in generale, ad essere esempio riconosciuto di velocità ed efficienza; ad analoghe conclusioni può giungersi anche per il settore penale ove, non di rado, affrontiamo processi per fatti accaduti meno di un anno prima della citazione a giudizio.

Ben vengano dunque le riforme dei processi civili e penali, perché tutto è perfettibile, così come i denari del PNRR (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza) che, auspichiamo, possano migliorare le infrastrutture tecnologiche e logistiche del Paese e, conseguentemente, l’efficienza generale del “sistema giustizia” ma, consentiteci di affermare che se tutti i Tribunali si trovassero nelle condizioni del Tribunale di Verbania la giurisdizione italiana non potrebbe considerarsi in difficoltà.

Si ricorda inoltre che il Tribunale di Verbania, grazie ai protocolli predisposti e sottoscritti da Avvocati e Magistrati, sia in materia civile che penale, è stato tra i primi, se non il primo, a riprendere l’attività già dall’aprile 2020, consentendo ai nostri Assistiti la legittima e dovuta tutela dei loro diritti.

Ma volendo guardare all’eccellenza del nostro Tribunale osserviamo, facendo un salto nel passato, che siamo stati anche tra i precursori nell’introduzione del PCT (Processo Civile Telematico).

Tutto questo non per giustificare quanto accaduto, ma per riportare i fatti in una giusta prospettiva a tutela del nostro Tribunale e del nostro lavoro da eventuali lesive strumentalizzazioni.

 Il Presidente del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Verbania

Avv. Marco Marchioni

Allegati

  • comunicato a iscritti 12-08-2021


    Scarica
    Caricato il: 24.08.2021
  • estratto parere plenum CSM 28-07-2021


    Scarica
    Caricato il: 24.08.2021

Ultimi articoli

Comunicazioni 8 Aprile 2024

Contributo unificato istanze 492 bis c.p.c.

Cari Colleghi, allego comunicazione pervenuta dal Dirigente UNEP dott. Francesco Caramiello con la quale si fa presente che per ogni istanza di ricerca beni ex art. 492 bis c.p.c. è necessario versare – tramite PagoPA e ad esclusione delle materie esenti – il contributo unificato di € 43,00 previsto dal T.U. Giustizia. L’orientamento pare ormai consolidato anche in forza del parere del Dipartimento per gli affari di Giustizia del Ministero, citato dal dott. Caramiello nella sua comunicazione e che pure si allega. Provando ad eseguire il versamento tramite PagoPA si può tuttavia notare come ad oggi non vi sia traccia dell’UNEP di Verbania nell’elenco dei soggetti ai quali intestare il pagamento. A tal proposito l’UNEP, su indicazione del Ministero, ci suggerisce di selezionare quale ente destinatario la voce “Tribunale Ordinario – Verbania”. Cordiali saluti. Il Presidente Avv. Paolo Ricci Allegati Comunicazione UNEP 6.4.2024 ScaricaCaricato il: 08.04.2024 Contributo unificato 492 bis cpc ScaricaCaricato il: 08.04.2024

Comunicazioni 29 Febbraio 2024

APPLICATIVO SIAMM – PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER MEDIAZIONE E NEGOZIAZIONE

Care Colleghe e Cari Colleghi, com’è noto, il legislatore ha previsto l’accesso al patrocinio a spese dello Stato delle parti non abbienti che partecipano a una procedura di mediazione (articoli da 15-bis a 15-undecies D.Lgs. 4 marzo 2010, n. 28) e ad una procedura di negoziazione assistita (articoli da 11-bis a 11-undecies del D.L. 12 settembre 2014, n. 132, convertito dalla L. 10 novembre 2014, n. 162). Ai fini dell’ammissione al patrocinio per le procedure di mediazione è competente il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati del luogo dove ha sede l’organismo di mediazione competente. Ai fini dell’ammissione al patrocinio per le procedure di negoziazione assistita è competente il Consiglio dell’ordine degli Avvocati del luogo in cui ha sede il Tribunale che sarebbe competente a conoscere della controversia. La domanda di ammissione al patrocinio, per l’Ordine degli Avvocati di Verbania, si propone attraverso il sistema Riconosco. Se la mediazione o la negoziazione assistita ha avuto esito positivo e si è quindi chiusa con un accordo, l’avvocato può chiedere la liquidazione, attraverso la piattaforma predisposta dal Ministero della Giustizia Isg.giustizia.it (SIAMM) alla voce Istanza patrocinio stragiudiziale. Sulla piattaforma, il difensore inserirà  Per la mediazione: il numero del procedimento, il nome dell’Organismo di mediazione, la data dell’accordo di conciliazione quale risultante dai registri informatizzati degli affari di mediazione, l’importo del valore dell’accordo; Per la negoziazione assistita: gli estremi della ricevuta attestante la trasmissione dell’accordo di negoziazione al CNF tramite piattaforma dedicata, se riguardante i procedimenti di famiglia anche la data di trasmissione pec all’Ordine e la data di sottoscrizione dell’accordo di negoziazione. Per entrambe le procedure, il difensore inserirà altresì l’importo del compenso richiesto la dichiarazione di volontà del richiedente di avvalersi, alternativamente, del credito di imposta o del pagamento e allegherà i seguenti documenti: – formale istanza con sommaria descrizione dell’attività svolta contenente parcella proforma emessa per le […]

Cassaforense 21 Febbraio 2024

Moduli pagamento Contributi minimi 2024

Dal 22 febbraio 2024 sarà possibile generare e stampare i moduli di pagamento dei contributi minimi 2024 per le scadenze previste collegandosi al sito internet della Cassa Forense www.cassaforense.it tramite la sezione “Accessi riservati/posizione personale” e utilizzando i codici personali Pin e Meccanografico. Le prime tre rate, a titolo di acconto, saranno calcolate sulla base della contribuzione dell’anno 2023 non rivalutata, mentre la quarta rata, il 30 settembre, verrà determinata a saldo e includerà la rivalutazione ISTAT (+5,4%) e il contributo di maternità”.

Comunicazioni 6 Dicembre 2023

Accesso ad ANPR, la Guida operativa

Si comunica che al fine di garantire agli avvocati  l’assistenza  tecnica nell’uso della nuova procedura online per l’estrazione dei certificati anagrafici dei cittadini iscritti all’ANPR (Anagrafe Nazionale della Popolazione), l’attivazione del servizio è fissata a partire dalle ore 13 dell’11 dicembre 2023. Sul sito del Consiglio Nazionale Forense è consultabile la Guida operativa che sarà poi disponibile sul portale ANPR al seguente link: https://www.anagrafenazionale.interno.it. L’accesso, per gli Avvocati, può avvenire utilizzando il seguente link https://www.anagrafenazionale.interno.it/area-tecnica/certificati-per-avvocati/ Allegati Certificati on line - Modalità operative per gli avvocati ScaricaCaricato il: 06.12.2023

Eventi in programma

torna all'inizio del contenuto