N. 21,22,23 [18,19,20] Anno VI - Giugno, Settembre, Dicembre 2005

Massima n. 11/21,22,23/P

DIFETTO DI RITUALE QUERELA - QUERELA PRESENTATA DA PERSONA DELEGATA SENZA AUTENTICA DELLA FIRMA -ART. 337 C.P.P.

Tribunale di Verbania -Giudice dott.ssa Elena Stoppini- 20 aprile 2005

Il potere di autenticazione spetta anche al difensore della persona offesa  ex art. 39 disp. att. c.p.p., ma può essere validamente esercitata solo se tale ultima qualità discenda da un'investitura effettuata nelle forme di legge,non essendo viceversa configurabile alcuna prova presuntiva dell'incarico (Cass. 49131/2003).
Pertanto, non è ritualmente prodotta la querela presentata dal difensore sprovvisto di nomina fiduciaria conferitagli solo in data successiva al deposito della stessa. In difetto del requisito dell'autenticazione della firma del querelante, deve ritenersi inefficace la richiesta di punizione proveniente dalla persona offesa, con conseguente declaratoria di improcedibilità dell'azione penale.