N. 19 [16] Anno V Dicembre 2004

Massima n. 3/19/P
Truffa c.d. processuale - oggetto giuridico delle truffa - artifici e raggiri - nei confronti di persona differente dal danneggiato - possibilitÓ - nei confronti di Giudice rispetto ai provvedimenti assunti - esclusione.
Trib. Pen. Verbania - dott. Terzi - Sentenza 783/04 del 25.10.2004


Oggetto giuridico della truffa Ŕ la tutela della corretta formazione del consenso negli atti di disposizione rispetto a comportamenti "dolosi"; se pertanto Ŕ ipotizzabile che gli artifici e raggiri si esplichino nei confronti di persona diversa dal danneggiato ove vi siano soggetti che con propri atti negoziali possano incidere su sfera economica altrui, non Ŕ ipotizzabile che tale soggetto si identifichi in un Giudice rispetto ai provvedimenti da esso assunti atteso che con la funzione giurisdizionale si esplica un potere di natura eminentemente pubblicistica i cui effetti giuridici non discendono dal potere di autonomia privata conseguente al consenso.